Esteri

Arabia Saudita: da venerdì le donne potranno entrare negli stadi

Per ora indicate tre partite a cui potrà assistere il gentil sesso

In Arabia Saudita, a partire da venerdì prossimo, per la prima volta le donne potranno assistere ad una partita di calcio professionistico. Lo hanno annunciato oggi le autorità, indicando tuttavia solo tre stadi – uno a Riad, e gli altri a Gedda (Ovest) e Dammam (Est) – accessibili per ora al gentile sesso in occasione di altrettante partite del campionato locale. Lo hanno detto funzionari locali.

I match a cui saranno ammesse per la prima volta le donne vedranno in campo le squadre Al-Ahli e Al-Batin il 12 gennaio, Al-Hilal e Al-Ittihad il giorno successivo e Ittifaq e Al-Faisali il 18 gennaio, come ha dichiarato il Ministero saudita dell’Informazione e della Cultura.

Questa decisione fa parte delle riforme attuate dal giovane principe ereditario Mohammed bin Salman, uomo forte del Regno che applica una versione rigida dell’Islam sunnita.

Lo scorso mese, l’Autorità Sportiva saudita ha annunciato che tre stadi, precedentemente riservati esclusivamente agli uomini, potranno ospitare famiglie con posti speciali a partire del’inizio del 2018.

Gli stadi che avranno “il privilegio” di avere sugli spalti spettatrici donne sono: King Fahd International Stadium di Riad; King Abdullah Sports City di Gedda; e il principe Mohammed ben Fahd Stadium di Dammam. Altre misure sono state annunciate per le donne e i giovani, compresa l’autorizzazione per le donne a guidare da giugno e la riapertura dei cinema a marzo.

Askanews

Articolo precedente

Rischiatutto delle Politiche

Prossimo articolo

Integrazione, criterio per la naturalizzazione

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *