Piccolo Schermo

Il nuovo Focus targato Mediaset

Dopo il lancio di Venti aumenta ancora l’offerta dei canali tematici

Ha debuttato lo scorso 17 maggio Focus, il nuovo canale gratuito Mediaset, versione televisiva del magazine del Gruppo Mondadori. Dopo la scadenza dell’accordo con Discovery, il canale è passato in gestione al gruppo di Cologno Monzese con un palinsesto che prevede documentari su vari argomenti specifici, spaziando tra scienza, natura, ambiente, animali, tecnologia, storia e attualità.

Così, oltre a documentari inediti su astronomia, astrofisica, esplorazioni spaziali, fisica, chimica e matematica ci saranno anche inchieste sulla storia delle religioni e delle civiltà antiche, sull’ingegneria, sulle organizzazioni complesse, fino ad approfondimenti su temi parascientifici quali i misteri archeologici, la fanta-biologia, le presenze aliene e altri aspetti legati al mondo paranormale. Spazio anche al cinema con una serata dedicata, il giovedì: previste numerose serie, cicli di film storico e scientifici e approfondimenti con ospiti ed esperti.

Tra le anticipazioni figurano quattro puntate di ‘The State’, la serie inglese dedicata al fenomeno dei foreign fighters; ‘Ferrari 312B’, la storia del modello Ferrari raccontata dagli ex piloti Niki Lauda, Jacky Ickx, Jackie Stewart, Gerhard Berger e Damon Hill. “Da qui alla fine dell’anno, Focus offrirà ai telespettatori oltre 500 ore di prodotti in prima visione tv.

Produzioni che abbiamo scelto di contrattualizzare per non più di due anni, perché il nostro obiettivo è puntare sua programmazione molto legata all’attualità, di qualità, seria ma proposta non in modo serioso”, ha commentato Marco Costa, direttore reti tematiche free e pay di Mediaset. Con il lancio del canale (prima trasmesso sulla posizione 120 del digitale terrestre e che passa ora al numero 35 dove prima andava in onda Italia 2), il Biscione centra il doppio bersaglio di far sinergia col periodico Mondadori e ampliare l’offerta delle reti tematiche gratuite con un canale dedicato alla divulgazione scientifica.

“Dal lancio di inizio aprile del canale Venti, le nostre emittenti tematiche gratuite sono passate da uno share del 5,6% al 6,8%. L’1,2 punto percentuale guadagnato dal Venti nel day time sale all’1,5% nel prime time e all’1,7% tra il target 35-54 anni, quello più apprezzato dal mercato pubblicitario. Nello stesso periodo, oltretutto, l’offerta generalista Mediaset è stata in grado di crescere dello 0,6%. Con Focus, un canale che si rivolge ad un pubblico prevalentemente maschile, equilibrato nell’età e di profilo socio-culturale medio-alto, inseriamo ora nel portafoglio un prodotto con un posizionamento editoriale e pubblicitario differente dagli altri canali di Mediaset, che dovrebbe permetterci dunque di aumentare ulteriormente le audience complessive”, ha dichiarato Marco Paolini, direttore generale Palinsesti e Distribuzione di Mediaset.

Confermate le indiscrezioni che volevano Roberto Giacobbo, il popolare conduttore Rai alla guida del nuovo canale. A confermare la notizia lo stesso conduttore: “Nel nuovo canale Focus sarò responsabile dei contenuti e degli autori, una sorta di direttore editoriale. Ma oltre al lavoro dietro le quinte, Mediaset mi ha proposto di andare anche in video”.

[email protected]

foto: Ansa

Articolo precedente

Italia, servono idee e tanta pazienza

Prossimo articolo

Moscovici: "Sui migranti serve risposta europea"

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *