Piccolo Schermo

Max Giusti, ‘Chi ti conosce?’

Dal 27 agosto sul Nove il nuovo game show del presentatore romano

“Mi sto divertendo come un matto perché non si tratta del solito game show. Questo è un programma di intrattenimento travestito da gioco che, soprattutto nella prima parte, mi dà la possibilità di improvvisare come se fossi a teatro”: è il neo cinquantenne Max Giusti a presentare il suo nuovo programma nel quale ogni sera una coppia di concorrenti interroga il protagonista della puntata per capirne gusti e interessi ed indovinare il rapporto che lo lega alle sette persone che porta con sé, con l’obiettivo di aggiudicarsi il ricco montepremi che può arrivare a ben centomila euro.
Il gioco è composto da quattro manche: nella prima i concorrenti, dopo aver conosciuto il protagonista della puntata, devono associare i sei suggerimenti del tabellone a sei dei sette individui in studio. Sei di loro sono effettivamente dei conoscenti, mentre uno è un intruso. I sei conoscenti scelti sostengono un test collegato all’abbinamento. Nella seconda manche, dopo aver visto come se la cavano i sei prescelti con i test, la coppia ha un minuto di tempo per ripensare alle scelte e, volendo, cambiarne alcune. Ad ogni abbinamento corretto corrisponde una cifra in denaro.
Nella terza manche i concorrenti devono rispondere a cinque domande a risposta multipla sulla vita del protagonista di puntata. Se azzeccano tutte le risposte vincono il montepremi in palio, altrimenti devono affrontare la quarta manche nella quale possono scegliere se dimezzare il montepremi per scoprire le risposte corrette (il conduttore gli indica quali sono le risposte errate e loro devono provare a correggerle) o se rifiutare e tentare di correggere le risposte senza sapere quali siano quelle sbagliate. Alla fine del gioco, se i concorrenti hanno risposto a tutte e cinque le domande in modo corretto si portano a casa il montepremi, altrimenti rimangono a bocca asciutta.
Il nuovo game show sostituisce ‘Boom’, condotto nella passata stagione sempre dallo stesso Max Giusti con un successo che ha superato le più rosee aspettative: le previste ottanta puntate sono infatti diventate oltre quattrocento, con uno share del 3% in una fascia che non aveva mai raggiunto l’1%. Arrivato al giro di boa del mezzo secolo, il comico romano fa un bilancio dei suoi primi cinquant’anni, che definisce ‘fichissimi’, e delle sue esperienze lavorative, da quando faceva le imitazioni a ‘Stasera mi butto’ all’esperienza di ‘Cocktail d’amore’ con Amanda Lear e Malgioglio, per poi approdare a ‘Quelli che il calcio’ che per ben otto anni lo ha visto tra i suoi protagonisti prima della sua ultima esperienza in Rai al timone di ‘Affari Tuoi’. Oltre agli spettacoli di intrattenimento, Max Giusti ha anche preso parte alla fiction Rai ‘Raccontami’ nel ruolo del maresciallo Mollica. “Ero partito con l’idea di costruirmi una vita come quella che sto vivendo. Sto facendo il lavoro che sognavo da ragazzino. Pur non essendo figlio d’arte”, commenta soddisfatto il presentatore, sposato dal 2009 con Benedetta Bellini e padre dei piccoli Matteo e Caterina, di otto e sei anni.
“Al contrario di molti, non considero i cinquant’anni un traguardo importante ma un bel trampolino da cui buttarsi per fare tante altre cose. Se vuoi raccontare qualcosa ed essere credibile, devi avere una certa età. Ho voglia di correre ancora. Di sprintare. Ho capito che una vita sola non basta. Io la vita me la mangio a mozzichi. Mi sento pronto. Ho idee e ho una grande voglia di fare”, conclude il poliedrico artista che, nonostante l’amara conclusione della sua collaborazione con la Rai non esclude di tornarci: “In Rai probabilmente tornerò, ho ancora vent’anni di carriera davanti. Ora, però, ho da fare sul Nove”, dichiara raccontando di come il rapporto con Discovery e Nove abbia cambiato il suo modo d’approccio con la tv e annunciando che oltre al programma ‘Chi ti conosce?’ bolle in pentola un altro progetto che è ancora top secret.

 

[email protected]
foto: Ansa

Articolo precedente

‘Figlia mia’…ma di chi?

Prossimo articolo

La fine delle risorse naturali della Terra

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *