Cronaca

Metà elicottero e metà aereo, l’Ue punta al convertiplano in 3D

Decolla come un elicottero e vola come un aereo, ora il convertiplano potrà avere un innovativo involucro di trasmissione realizzato con una nuova tecnologia additiva in 3D. A raggiungere l’obiettivo sarà un team di ricercatori nell’ambito del progetto Horizon2020-Clean Sky2 Amatho, coordinato dal Politecnico di Milano.

“L’involucro di trasmissione (housing) -spiegano gli esperti del PoliMi- è uno dei componenti più critici per la sicurezza di un velivolo perché è sottoposto a forti carichi meccanici, ad un elevato livello vibratorio e ad alte temperature. Con la tecnologia additiva, che permette di ottenere anche forme complesse di grandi dimensioni, saranno realizzati oltre 1.000 provini a partire da polveri di leghe di alluminio e di titanio ad alte prestazioni”.

Il passo successivo sarà poi condurre “una campagna sperimentale che consentirà di valutare le prestazioni meccaniche, statiche ed a fatica di questi materiali” segnala inoltre l’ateneo meneghino. E, ancora, nell’ambito del progetto europeo verranno realizzati dimostratori tecnologici di dimensioni ridotte, prima di passare alla produzione degli housing a dimensione reale, da sottoporre alle prove al banco per la qualifica di volo finale.

Il progetto Amatho (A.dditive MA.nufacturing of T.iltrotor HO.using) ha una durata di 5 anni ed è coordinato dal Politecnico di Milano con il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Aerospaziali assieme al Dipartimento di Meccanica. Al progetto partecipano anche l’università svizzera Supsi, l’Istituto di Sistemi e Tecnologie (ISTePS) e Prima Industrie.

Fonte: adnkronos.com

Articolo precedente

10mila passi per star bene, ma se ne fanno la metà

Prossimo articolo

Utilizzate le stesse bottigliette di plastica per bere? Meglio non farlo più…

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *