Piccolo Schermo

Non è l’Arena

Giletti torna su La7 e sfida Fazio in prima serata

Dopo aver chiuso non in modo del tutto piacevole la sua avventura in Rai, Massimo Giletti torna sul piccolo schermo nella prima serata della domenica sera per Sky, sfidando direttamente un colosso della tv di Stato, Fabio Fazio e il suo da tempo collaudato ‘Che Tempo che Fa’. Molte le curiosità su questo ritorno e sulla nuova trasmissione di Giletti, a partire dal titolo, sul quale si erano fatte numerose supposizioni: quello più accreditato era ‘Buoni e Cattivi’, caduto però a favore di ‘Non è l’Arena’, più in stile Giletti è forse più significativo.

Non è infatti un caso che il titolo rimarchi la differenza e la distanza dalla Rai e dal programma condotto da Giletti prima di essere ‘estromesso’ per motivi politici, anche se dà comunque un segno di continuità con il lavoro e le idee di Giletti che gli hanno sempre procurato un buon numero di telespettatori.

In questa sfida La7 contro Rai niente è stato lasciato al caso: alla vigilia del debutto del 12 novembre, Giletti è stato ospite della collega e amica Maria De Filippi, a ‘Tú sí que vales’ su Canale 5, dove sarà visto da più di cinque milioni di italiani, praticamente uno spettatore su tre. L’occasione è stata la premiazione di una associazione di beneficenza che lavora per l’accoglienza dei giovani adolescenti immigrati arrivati nel nostro Paese senza i genitori, ma ovviamente non è mancato un accenno al debutto di Giletti su La7 e alla partenza del nuovo programma. Un aiutino non da poco per Giletti, che già in altre occasioni ha avuto modo di avvalersi dell’appoggio amichevole della De Filippi e di Maurizio Costanzo in seguito all’allontanamento dalla Rai.

Il debutto di ‘Non è l’Arena’ è stato dedicato al caso Tulliani, arrestato a Dubai proprio grazie ad una troupe del programma: Tulliani chiama la polizia per far allontanare i due giornalisti che lo vogliono intervistare all’aeroporto e alla fine la polizia arresta lui. La Rai non sta però a guardare e risponde al duello con una netta virata del programma di Fazio, che abbandonato il solito copione fatto di interviste ad attori, attrici, musicisti e campioni dello sport, ha deciso di puntare sulla politica che riprende ad essere infuocata in avvio di campagna elettorale.

Per la serata del debutto di ‘Non è l’Arena’, Fazio ha infatti invitato a ‘Che tempo che fa’ quel Luigi Di Maio che ha lasciato Renzi da solo nel ring di Floris, dando forfait al confronto che lui stesso aveva sollecitato. Riuscirà l’uomo su cui la Rai ha puntato tutto per questa stagione a non deludere le aspettative dopo gli ultimi tonfi del suo programma? Come finirà il duello televisivo che vede confrontarsi Davide contro Golia? Al momento di andare in stampa non abbiamo ancora i dati auditel di questo che si preannuncia essere uno scontro interessante sia dal punto di vista dei contenuti che da quello delle sorti televisive dei due, oltre ad essere, in più, un’ottima occasione di rivalsa per l’ex giornalista Rai. Fatto sta che d’ora in poi le prime serate della domenica in tv saranno più ricche al di là del verdetto del debutto.

[email protected]

foto: Ansa

Articolo precedente

L’uomo con l’agenda

Prossimo articolo

Il Napoli difende la vetta

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *