Turismo

Spiagge a colori: l’immacolato fascino delle spiagge bianche

Continua il nostro viaggio tra le spiagge più colorate del mondo

Come vi abbiamo anticipato la settimana scorsa prima di tuffarci nelle cristalline acque di Whitehaven Beach, stando alla relazione tra colori e stati d’animo ‘svelata’ dal portale di viaggi lastminute.com. il 7% degli italiani identifica la felicità con il bianco. Se anche per voi i colori sono in simbiosi con il senso della felicità e appartenete a quel 7% che la associa al bianco eppure l’Australia è troppo lontana, nessuna paura: abbiamo scovato per voi alcune incantevoli spiagge bianche italiane sulle quali rilassarsi trasformando le vacanze in rigeneranti sedute di cromoterapia. Partiamo dall’Isola d’Elba e dalle sue spiagge fatte di ciottoli bianchi, di candida sabbia e mare cristallino.

Tra le più conosciute, la spiaggia di Sansone, nei pressi di Portoferraio: una spiaggia tranquilla e facile da raggiungere, ideale per le vacanze familiari. Da visitare anche la bianchissima spiaggia di Cavoli, situata in un’insenatura e circondata dalla macchia mediterranea, forse una delle più apprezzate dell’Isola d’Elba, che offre anche una bellissima vista sulle isole di Pianosa e Montecristo. Bianca anche la spiaggia di Sant’Andrea, nella parte nordest dell’isola, di fronte alla frazione di Zanca che deve il suo colore bianco alla presenza di alte scogliere di granito che la cingono e rendono il mare di una limpidezza incomparabile. L’itinerario delle spiagge bianche più belle d’Europa non può non fare tappa sulla spiaggia di Acciaroli, nel comune di Pollica, in Campania, detta anche la ‘perla del Cilento’: eletta spiaggia più bella d’Italia nel 2011, la sua sabbia bianca si alterna a piccoli ciottoli che rendono ancora più vivi i colori di un mare già straordinariamente luminoso. Da visitare anche la spiaggia di Santa Maria di Castellabate, una delle più lunghe e ricercate del Cilento che copre chilometri di costa con sabbia

La spiaggia di Agropoli

bianchissima e un mare cristallino.

Continuiamo la tappa nel Cilento citando Cala Bianca, eletta spiaggia più bella d’Italia nel 2013, che deve il suo nome al colore dei suoi sassi. Incontaminata e selvaggia, la spiaggia è raggiungibile soltanto via mare: l’escursione in questo luogo incantato svelerà ai turisti un angolo di paradiso illuminato dal sole che si riflette sui ciottoli bianchi. Concludiamo la visita nel Salento facendo tappa alle ‘Maldive del Salento’, ovvero sulla spiaggia di Pescoluse, bianchissima e circondata da una vegetazione spontanea e selvaggia. Dal Salento alla Sicilia, dove gli amanti del bianco potranno godersi rilassanti giorni di vacanza sulle spiagge di San Vito Lo Capo, baciate dal sole e accarezzate da acque trasparenti, che offrono calette rocciose ma anche lidi bianchissimi: la spiaggia dell’Uzzo ad esempio, all’interno della Riserva dello Zingaro, che con la sua sabbia bianca mista a ciottoli è una delle più frequentate e offre un mare trasparente ideale per le immersioni.

A poca distanza dalla riva i fondali iniziano ad essere profondi e lo spettacolo che offrono i pesci è davvero fantastico. Ideale per le famiglie la spiaggia della cittadina di San Vito Lo Capo, una lunga distesa di sabbia bianca finissima e acque limpide che diventano profonde solo dopo diversi metri. Da San Vito Lo Capo a Lampedusa per passeggiare sulla bianchissima distesa della spiaggia dei Conigli, un’autentica meraviglia con un’incredibile fauna marina e un’acqua la cui limpidezza e le cui sfumature azzurre attraggono visitatori e turisti da ogni parte del mondo. Passeggiando sulla sua finissima sabbia può anche capitare di intravedere le impronte della tartaruga Caretta Caretta che spesso sceglie questa meravigliosa spiaggia per deporre le uova. Ultima tappa alla scoperta delle spiagge bianche in Sardegna, per rilassarsi sulla Spiaggia della Pelosa, il paradiso naturale di sabbia bianchissima e acqua cristallina racchiuso nel Golfo dell’Asinara, nell’estrema punta nord-occidentale della Sardegna. Dalla Spiaggia della Pelosa a Cala Mariolu, conosciuta anche con il nome di ‘Ispuligidenie’ che significa ‘pulci di neve’: una spiaggia dai colori magici e dalla sabbia chiarissima nel Golfo di Orosei, in provincia di Nuoro.

Raggiungibile dal mare o attraverso un sentiero che dall’Altopiano di Golgo passa per la Serra Lattone, la spiaggia colpisce per le tonalità infinite di blu, verde smeraldo e azzurro che le sue acque regalano e, soprattutto, per i sassolini tondi e bianchissimi, misti a finissima sabbia bianca, che la compongono e che sembrano fiocchi di neve. Insomma, se l’Australia è troppo lontana, gli amanti delle incantevoli e bianche spiagge possono goderne il fascino anche in Italia, rifugiandosi in posti talmente particolari e suggestivi da non avere nulla da invidiare alle mete d’oltreoceano.

[email protected]

foto: Ansa

Articolo precedente

‘Sea Sorrow, il dolore del mare’

Prossimo articolo

Pollo e…

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *