Politica

Strappo a Sinistra

Pisapia: “Buon viaggio a Speranza, sono sicuro che ci ritroveremo in tante battaglie”

Si può andar avanti lo stesso, sembra voler dire l’ex sindaco di Milano, Pisapia, davanti alle parole di Roberto Speranza che, intervistato dal Corriere della Sera, ha chiaramente espresso la volontà del gruppo di andare avanti anche senza Campo Progressista e ha sottolineato come il tempo dell’attesa sia finito.

Lo strappo c’è, ma sembra non accusarlo il leader di Campo Progressista Giuliano Pisapia che è sembrato mettere fine alla possibilità di un’alleanza con Articolo 1 – MDP, il partito formato dagli scissionisti del PD. “Non c’è problema. Buon viaggio a Speranza, sono sicuro che ci ritroveremo in tante battaglie” ha infatti risposto l’ex sindaco di Milano e leader di Campo Progressista, Giuliano Pisapia, rispondendo a una domanda dei giornalisti a margine di un incontro a Mesagne, in provincia di Brindisi.

“Bisogna correre, Pisapia è naturalmente protagonista di questa storia, ma non si può più perdere un solo minuto e neanche stare lì a parlare tutti i giorni di nomi dei big, invece che di proposte. È diventata una soap opera insopportabile” aveva infatti detto Speranza collocando la data possibile per celebrare l’assemblea costituente il 19 novembre. “Non credo nella necessità di un partitino del 3%” ha affermato Pisapia in risposta “credo in un movimento molto più ampio, molto più largo e soprattutto capace di unire, non di dividere”.

“Quando come delegazione di Mdp sono andato a parlare con il presidente Gentiloni non a fare ricatti ma a fare richieste di giustizia sociale” come “il diritto salute”, “qualche assicurazione l’abbiamo avuta” ha spiegato Pisapia parlando a Mesagne, aggiungendo particolari su quell’episodio nei rapporti con Mdp. “Abbiamo fatto un percorso condiviso all’unanimità dai gruppi” su come votare in aula sul Def, “il problema è stato che potevano almeno avvisare quantomeno che quello stesso giorno il loro sottosegretario si sarebbe dimesso e che sarebbero usciti dalla maggioranza”. Nel momento in cui da parte del governo “c’è un annuncio importante”, in cui “hai la prospettiva di un’azione concreta” e vicina alla richieste della sinistra, “esci dalla maggioranza? Problemi loro, potevano aspettare una settimana e quantomeno avvisare chi era andato dal presidente del Consiglio, altrimenti sembra una presa in giro”.

“Ricambio gli auguri di Buon viaggio a Giuliano Pisapia rimanendo in speranzosa attesa del suo partitone #insieme” è stata la battuta con cui il senatore di Mdp Miguel Goto su Twitter all’ex sindaco di Milano, mentre un tono più ironico è quello adottato da Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana e fondatore di Articolo Uno – Mdp, che sulla sua pagina Facebook ha scritto: “Pisapia se n’è ghiuto e soli ci ha lasciato…Pochi si erano accorti che nelle nostre file egli ci fosse ancora. Soprattutto in Sicilia. Ora dice apertamente che con il Rosatellum bis bisogna allearsi con il Pd e quindi anche con Alfano. Proprio quello che noi non possiamo e non vogliamo fare. Noi non vogliamo ridurci ad un ruolo ancillare. Vogliamo ridare al Paese una sinistra di governo”.

C’è ancora qualcuno però che si augura un ripensamento da parte di Pisapia: “Andiamo avanti – ha detto Alfredo D’Attorre, esponente di Mdp – sulla strada tracciata e si lavora all’assemblea costituente da eleggere il 19 novembre. È tutto molto in coerenza con le cose dette nei mesi scorsi. Mi auguro ci sia spazio per un ripensamento da parte di Pisapia”.

[email protected]

foto: Ansa

Articolo precedente

Giovani esempi

Prossimo articolo

Nobel Pace va a campagna Ican

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *