Moda

Tutti al caldo con il ‘pellicciotto’

Il morbidissimo capospalla è uno dei capi immancabili per il prossimo autunno inverno

I cappotti dell’inverno si accorciano fino a diventare dei caldi e morbidissimi giacchini corti, per lo più in calda pelliccia nei colori più svariati per outfit perfetti tanto di giorno quanto di sera.
Per essere trendy non si può quindi rimanere indenne al fascino del ‘pellicciotto’, capo molto più versatile di quanto si possa immaginare, tanto da essere perfetto sia abbinato a jeans e sneakers, per un look casual, sia ad abitino e décolleté per una riproposizione originale e moderna dei look eleganti di qualche anno fa, perfetti per una cena o una serata particolare. Per chi invece volesse osare molto di più, ideale il pellicciotto smanicato da indossare sopra una maglia con collo a lupetto, pantaloni neri attillati e cuissardes.
Chi ha prestato attenzione alle proposte degli stilisti per questo autunno inverno ha potuto di certo ammirare il raffinato bomber nero in eco pelliccia firmato Mangano, perfetto per una serata elegante, sia abbinato ad un semplice e minimalista tubino che a sbarazzini vestitini meno impegnativi ma sempre molto chic.
Delicatissima nuance celeste polvere per la proposta di Millet, con ampie maniche e collo a scialle, perfetto da abbinare a jeans o look ‘elegantemente casual’ e non proprio impegnativi. Aniye By propone invece un bello ed intenso colore viola, mentre Emporio Armani fa sfilare in passerella un particolarissimo pellicciotto nero impreziosito da inserti geometrici multicolor. Interessante ed estrema la proposta di Alexander McQueen, che porta in passerella un chiodo con shearling rosa.
Allunga le misure invece Le Copains che propone un modello in ecopelliccia metal che scende a coprire abbondantemente i fianchi. Passando dalle proposte delle passerelle alle ben più accessibili proposte dei negozi per i comuni mortali, spopola il pellicciotto rosa di H&M, tanto da aver scatenato la nuova mania del #pinkcoat, con una pioggia di selfie delle più addicted ad invadere i social con addosso il morbido cappotto peloso millennial pink che sta facendo il giro del mondo.
Già dall’inizio del ventesimo secolo la pelliccia è diventata uno status symbol, ma è solo con gli anni Sessanta che si afferma anche il ‘pellicciotto’, un modello più moderno di pelliccia vista come una giacca corta (anche smanicata) accessibile a tutti, in versione sintetica, ideale per gli ambientalisti e gli animalisti ma anche per i brand moda interessati a contenere i costi di realizzazione delle pellicce.
Così, sempre più firme hanno realizzato pellicce sintetiche per le loro collezioni, utilizzando fibre talmente particolari da copiare alla perfezione l’effetto della pelliccia vera.
Ai giorni nostri il pellicciotto è diventato un capospalla presente nel guardaroba di teenager, millenials e anche di quarantenni, confermandosi capo trendy e versatile, trasversale a gusti ed età e adatto ad ogni occasione.

[email protected]

Articolo precedente

L’aureola blu dei fiori

Prossimo articolo

San Pietroburgo celebra la Rivoluzione d’Ottobre

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *