Salute

Il 3 novembre 2017 è la giornata nazionale della vaccinazione

Il vaccino antinfluenzale è il metodo più efficace per proteggersi dalla contagiosa malattia virale. In particolare il personale sanitario in tal modo può proteggere meglio i pazienti

L’influenza è una malattia virale contagiosa tipica della stagione fredda. L’influenza non è una malattia innocua, in particolare non lo è per le persone che presentano un maggiore rischio di complicazioni. Il metodo più efficace per proteggersi dall’influenza e da eventuali complicazioni è rappresentato dal vaccino. Esso è raccomandato alle persone che presentano un maggiore rischio di complicazioni in caso di influenza. Si tratta in particolare delle persone al di sopra dei 65 anni.
Possono sottoporsi alla vaccinazione antinfluenzale tutte le persone che per motivi privati o professionali desiderano ridurre il rischio di contrarre l’influenza. Per tale ragione, il Consigliere di Stato Christian Rathgeb oggi si è fatto vaccinare contro l’influenza presso l’Ospedale cantonale dei Grigioni.

Quest’anno la Giornata nazionale della vaccinazione cade sul 3 novembre. La Giornata nazionale della vaccinazione offre la possibilità di farsi vaccinare contro l’influenza in numerosi studi medici senza necessità di annunciarsi e versando un importo forfetario. I medici che partecipano all’iniziativa sono indicati sul sito web www.kollegium.ch/de/praevention/grippeimpftag.

Appello al personale sanitario
I collaboratori di ospedali e di case per anziani e di cura entrano quotidianamente in contatto con persone che presentano un maggiore rischio di complicazioni. Di conseguenza, vaccinandosi contro l’influenza non proteggono solo sé stessi, bensì anche i pazienti o gli ospiti di cui si devono occupare. In tal senso, il Consigliere di Stato Christian Rathgeb si appella ai collaboratori di ospedali nonché case per anziani e di cura affinché si facciano vaccinare contro l’influenza.

foto:www.gr.ch

Articolo precedente

La Spagna si spacca

Prossimo articolo

Grasso via dal Pd

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *