Italiani in Svizzera

Italiani in Svizzera: Emanuele & Alessia

Raccontaci di te…

Mi chiamo Emanuele (1986) e da pochi anni abito a Pfäffikon ZH insieme a mia moglie Alessia (1988). Entrambi siamo cresciuti perlopiù in provincia di Varese, sebbene i nostri genitori provengano da diverse regioni italiane (Calabria, Umbria, Veneto, Lombardia). La nostra storia insieme parte nel 2006, un anno magico in cui c’era un’aria particolare: io avevo appena finito le scuole superiori e soprattutto l’Italia aveva appena vinto i Mondiali! Poi durante l’estate ho incontrato Alessia e ci siamo subito innamorati.

Finita l’università di ingegneria, nel 2013 mi sono trasferito in Svizzera per motivi di lavoro, da solo. Nel 2015, Alessia ha avuto il coraggio di lasciare la sua famiglia e il suo lavoro da grafica in Italia per venire a stare insieme a me in Svizzera. La ammiro e ringrazio molto per questa scelta, ha lasciato tutte le sue certezze e ricominciato da zero. Nel tempo è riuscita a raggiungere un buon livello di Tedesco e trovare un lavoro part-time, sempre come grafica. Tutto l’insieme di esperienze, sacrifici, momenti belli ma anche momenti duri, ci ha uniti ancora di più e l’anno scorso (2016) finalmente ci siamo sposati.

Che legame hai con la Svizzera e con l’Italia?

Siamo italiani, con l’Italia manteniamo un legame fortissimo e spesso torniamo giù a trovare i nostri genitori e i nostri parenti.

La Svizzera, invece, per noi è il Paese che ci sta dando un’opportunità, solo il tempo saprà dirci se l’abbiamo colta fino in fondo. Opportunità lavorativa certamente, ma anche di crescere con le nostre forze, di conoscere un’altra cultura, di aprire la nostra mente ad altri modi di pensare e con essi confrontarci. Talvolta ci sentiamo a casa, talvolta un po’ meno, ma credo che sia normale: sappiamo che il processo di integrazione è una questione lunga, bisogna avere pazienza, la volontà non manca! Certamente anche in Italia o in qualsiasi altro posto avremmo avuto delle altre opportunità, ma il Destino o Dio ci ha portati qui.

Come ti trovi con la lingua svizzera?

Purtroppo, avendo sempre lavorato in contesti in cui si parla l’Inglese, non sono ancora riuscito a imparare bene il Tedesco (tantomeno lo Svizzero), mi sto impegnando ma ci vorrà ancora molto tempo e impegno.

Per fortuna Alessia, quando si è trasferita qui, ha avuto la possibilità di frequentare corsi intensivi di Tedesco per qualche mese, quindi il suo livello è decisamente più alto.

Qual è stato il primo impatto quando sei arrivato in Svizzera?

Per me è stato molto strano: era il mio primo lavoro, la prima volta che abitavo da solo, la prima volta in Svizzera, con una lingua completamente nuova. Ma sinceramente non è stato troppo difficile, in quanto avevo già un lavoro e i miei colleghi che mi hanno aiutato a inserirmi.

Per Alessia, invece, il primo giorno in Svizzera è coinciso con il suo primo giorno di scuola di Tedesco. Ad accoglierla è stata la sua insegnante, persona stupenda che l’ha aiutata molto, ha saputo darle l’energia e la fiducia necessarie per affrontare la sua nuova avventura.

Raccontaci della tua attività creata in Svizzera…

Ciò che vede il pubblico è il nostro negozio online, tramite il quale vendiamo specialità provenienti dal Centro Italia (Umbria, Toscana e dintorni). Il panorama dei prodotti italiani è vastissimo, ma noi abbiamo deciso di focalizzarci solo sulle terre che conosciamo meglio e abbiamo sempre frequentato per via dei nostri parenti. Per rimarcare questo fatto, cioè la provenienza dei prodotti, ma anche la loro discendenza da tradizioni antiche, abbiamo scelto come nome “il Gusto Etrusco” (www.ilgustoetrusco.ch). Per il momento abbiamo a catalogo un numero non troppo vasto di formaggi e salumi confezionati sottovuoto, ma stiamo lavorando per ampliare la nostra offerta. Puntiamo tutto sull’eccellenza e la qualità, proponendo prodotti che a volte sono difficili da trovare persino in Italia.

Essendo un negozio online, la nostra attività si rivolge principalmente a clienti privati. Tuttavia siamo ben contenti di fornire i nostri prodotti anche a ristoranti, catering e piccoli rivenditori; siamo sempre ben disposti a intraprendere nuove collaborazioni.

Dietro le quinte del negozio online c’è un grande lavoro, in quanto abbiamo deciso di importare direttamente dai produttori, senza intermediari. Questa è anche la parte più bella della nostra attività: andare sul territorio, conoscere i luoghi, le persone, le aziende, scegliere solo il meglio. Naturalmente c’è anche un’altra parte, meno divertente ma molto importante, che riguarda l’organizzazione dei trasporti, il mantenimento della “catena del freddo”, il magazzino, la gestione del sito, etc.

Dove nasce la passione per questo lavoro?

Da quando ci siamo trasferiti in Svizzera, al ritorno dai nostri viaggi in Italia abbiamo sempre portato prodotti tipici ai nostri conoscenti, i quali naturalmente rimanevano estasiati e ne chiedevano sempre di più. Così è nata l’idea e, passo dopo passo, abbiamo messo in piedi la nostra attività.

Alla base di tutto c’è la voglia di pubblicizzare il nostro Paese, vorremmo che i nostri prodotti fossero anche un biglietto da visita per i bellissimi luoghi da cui provengono. Dunque la passione è quella per l’Italia, l’amiamo coi suoi pregi e i suoi difetti, ce l’abbiamo nel sangue. E questo è il nostro modo di portarla fuori dai suoi confini.

Che piani hai per il futuro?

Sul piano personale, sicuramente vorremmo avere dei figli e, insieme a loro, continuare il nostro inserimento in Svizzera.

Per quanto riguarda la nostra attività, avendo appena iniziato, saremmo già felici se essa funzionasse bene. Se così fosse, sicuramente vorremmo ingrandire il nostro catalogo, ma anche le nostre dimensioni e il numero di collaborazioni. Insomma, nel futuro sicuramente ci piacerebbe continuare a importare un po’ di vera Italianità, diventando un punto di riferimento per chi vuole esportare dal Centro Italia verso la Svizzera, questo è il nostro sogno.

Cos’altro vuoi dire ai nostri lettori?

Vi invitiamo ad assaggiare i nostri prodotti e, se ce lo meritiamo, a consigliarci ai vostri conoscenti! Vogliamo che il nostro business abbia un’Anima, pertanto ci piace metterci la faccia e cercare di trasmettere le informazioni dal produttore al consumatore, con chiarezza e competenza. Non esitate a contattarci all’indirizzo email [email protected] e saremo lieti di rispondere alle vostre domande, nonché offrire un ottimo sconto ai dipendenti/membri della vostra azienda/organizzazione/squadra.

Inoltre, fino alla fine di Febbraio 2018, riserviamo ai lettori di questo settimanale uno sconto di benvenuto di 15 CHF sul primo ordine, è sufficiente scriverci un’email con oggetto “Lettore de La Pagina” per ottenerlo!

Articolo precedente

Piccoli grandi poeti ai microfoni di Radio L'Ora Italiana

Prossimo articolo

La collazione

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *