Italiani in Svizzera

La storia di Davide Astuto e Giuseppe Maggio

Raccontateci di voi…
Giuseppe: Sono di origini siciliane, di Terrasini, in provincia di Palermo, e sono venuto in Svizzera da ragazzo. Mia madre era già qui ed io spesso la raggiungevo in vacanza. A 15 anni sono venuto a trovare un amico che lavorava per un’azienda e dove il proprietario mi ha offerto un lavoro per qualche settimana durante le vacanze, alla fine sono rimasto.

A me è sempre piaciuta la Svizzera, conoscevo già la realtà di questa terra, avevo amici e tutt’ora mi trovo molto bene. Inoltre sono sposato con una ragazza svizzera e qui mi trovo a casa. A 25 anni mi sono messo in proprio, il mio sogno è sempre stato quello di aprire un bistrò e sono fiero di esserci riuscito!
Davide: Sono originario di Grammichele, in provincia di Catania, ma sono nato in Svizzera dove ho fatto le scuole, a 18 anni però ho deciso di andare in Italia. Lavoravo in un’azienda familiare in campagna, ho fatto la vita dura come gli altri in Italia, lavoravo più di 12 ore al giorno, dalla mattina alla sera tardi, si lavorava sempre, dopo due anni non ce l’ho fatta più e sono tornato. La vita in Italia, sotto diversi punti di vista, è migliore: la mentalità e il modo di vivere mi piacciono li preferisco, secondo me si vive meglio. Le persone con poco sono più contente, però nello stesso momento è anche difficile, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto economico. Al mio ritorno ho frequentato la scuola alberghiera e dopo un po’ ho conosciuto Giuseppe.

E insieme avete aperto il bistrò Al Punto…
Giuseppe: Sì, io sono il proprietario del bistrò Al Punto, mentre Davide gestisce il locale che abbiamo aperto in primavera di quest’anno. Lavoriamo molto bene insieme, ognuno ha il suo compito e insieme cerchiamo di realizzare le nostre idee, l’obiettivo principale è quello di offrire ai clienti buon cibo, realizzato con prodotti italiani di qualità e il tutto ad un prezzo accessibile a chiunque.
Davide: Offriamo soprattutto panini, arancini e rustici di diversi tipi. Ma non finisce qui, ogni giorno ci sono dei menù freschi, pasta fatta in casa, piatti realizzati con prodotti di qualità. Non è una semplice paninoteca, la gente non vuole spendere molto, ma vuole mangiare bene ed ecco è lì che entriamo in gioco noi con il nostro bistrò.
Quali sono le vostre specialità?
Davide: La specialità è la piadina Al Punto, con provolone, prosciutto cotto, verdura e la salsetta speciale fatta in casa. Offriamo la colazione all’italiana, al momento c’è  in offerta caffè espresso con cornetto a 5.50 franchi. Il menù di mezzogiorno composto da pasta con insalata, bevanda e tiramisù a 14.50 franchi. Il nostro cuoco è calabrese, ha molta esperienza dato che ha lavorato per diversi ristoranti noti. Per gli studenti inoltre c’è il 10% e c’è in programma di creare qualcosa rivolta alla fascia dei pensionati.

Quali sono i vostri progetti per il futuro?
Giuseppe: Organizzeremo presto degli eventi, come ad esempio la serata con la Aperol che si terrà il 7 ottobre 2017, dalle ore 17.00 alle ore 22.00. Inoltre è possibile organizzare feste al bistrò, come compleanni, feste aziendali e tanto altro, c’è spazio per 80 persone. A parte questo, offriamo anche il servizio catering per eventi. Per quanto riguarda l’aperitivo all’italiana che abbiamo intenzione di organizzare, come accennavo prima, si avrà modo di accompagnare la bevanda con piatti freddi e piatti caldi, momentaneamente va molto in Italia, lo chiamano aperò-cena, un concetto che noi piace molto e abbiamo il piacere di proporre anche in Svizzera.

Bistrò Al Punto
Grubenstrasse 18
8045 Zurigo
Tel.: 044 461 08 80
www.al-punto.ch

Articolo precedente

Meno bimbi obesi in Svizzera

Prossimo articolo

Medicine illegali: sequestri e siti internet chiusi

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *