Politica

Magliette gialle in campo

Per pulire la Capitale scendono in strada i volontari del Pd indossando le simboliche magliette. Virginia Raggi: “Avete sporcato per 20 anni”

“In queste ultime ore anche un noto partito, il Pd, quello che è responsabile del malgoverno degli ultimi 20 anni a Roma, ha deciso finalmente di venire a pulire, chiaramente per il noto principio secondo cui ‘chi sporca pulisce’ – sottolinea il primo cittadino Virginia Raggi sull’iniziativa del Pd di pulire la Capitale – Un po’ tardivo, comunque lo aspettiamo e gli diamo i migliori auguri di benvenuto. Ci auguriamo che non sia uno sterile spot elettorale – conclude la sindaca di Roma – per far questo vi aspettiamo non soltanto questa domenica ma per quelle a seguire per i prossimi vent’anni”. È trascorsa così la domenica di grandi pulizie per vie, strade e piazze di Roma, un’iniziativa voluta da Matteo Renzi e lanciata la scorsa settimana a cui hanno risposto più di mille partecipanti. 42 i punti scelti per l’azione delle “maglie gialle”, i volontari che indossando delle magliette di colore giallo hanno deciso di partecipare alla pulizia di Roma, tra cui Parco della Resistenza e Colle Oppio dove hanno lavorato un gruppo di immigrati “Io sono del circolo ambiente No Borders, vengo dall’India e sono con altri emigranti, tre del Madagascar e tre del Ghana per ripulire questo parco pieno di cartacce e bottigliette. È una bellissima iniziativa: anche gli immigrati che vivono qui danno una mano per la pulizia della città”, racconta uno dei volontari.
Altro quartiere interessato è Centocelle dove la capogruppo dem Michela Di Biase racconta che “Quando i nostri volontari sono arrivati hanno trovato anche militanti a 5 Stelle”.
Nel quartiere di Tor Bella Monaca, altra periferia romana insieme ai volontari, ci sono anche il Ministro Madia e il presidente nazionale del Pd Matteo Orfini che, in risposta alle parole della sindaca romana, ha commentato: “Ci sono mille volontari, che puliscono la città. A Tor Bella Monaca siamo in un parco davanti a una scuola che è un porcile e noi siamo qui per dare una mano. Lo facciamo da un anno, lo faremo anche dopo questa giornata, peculiare perché ci sono iniziative in contemporanea in tutta Roma. Ma è un’attività che facciamo continuamente, ogni settimana. Non ha senso raccogliere le polemiche, credo che chi amministra la città debba dire grazie a mille cittadini che scelgono di dedicare a loro domenica a pulire, non fare polemiche”.
Il leader del Pd Matteo Renzi, che aveva lanciato l’iniziativa, è passato a salutare i volontari Dem impegnati nella pulizia di alcune zone di Roma. In particolare vicino alla stazione Tuscolana, alla periferia sud della città. “Oggi il Pd scende in piazza a Roma non per protestare ma per pulire, dare una mano, migliorare le condizioni di vita della Capitale. Lo facciamo senza polemiche con l’Amministrazione comunale, lo facciamo pagando di tasca nostra il servizio dell’Azienda dei rifiuti, lo facciamo perché le #magliettegialle diventeranno sempre più un marchio di fabbrica del nuovo Pd”, aveva scritto su Facebook il segretario del Pd Matteo Renzi.
Ma Virginia Raggi, pur riconoscendo il problema, afferma che la situazione si sta normalizzando: “Da qualche anno a Roma si sono moltiplicati i cittadini che, autonomamente o in forma associata puliscono Roma, le sue strade e i suoi parchi. Questo perché l’amministrazione è obbiettivamente un po’ in sofferenza. La situazione dei rifiuti è a tutti nota ma si sta normalizzando”.

[email protected]
foto: Ansa

Articolo precedente

Clausola di salvaguardia per romeni e bulgari

Prossimo articolo

Emmanuel Macron, l’europeista che indica la via di una nuova costruzione unitaria

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *