Moda

MarediModa 2017

A Cannes la prestigiosa manifestazione per i settori mare, intimo e athleisure

Si è svolta nei giorni scorsi, nell’incantevole scenario del Palais Des Festivals Cannes, la Fiera MarediModa, la più importante manifestazione internazionale per la presentazione in 

anteprima assoluta delle collezioni di tessuti e accessori per i settori mare, intimo e athleisure. Il guru anglo indiano David Shah, insieme allo Stijlinstituut di Amsterdam, ha definito i quattro macrotemi per la moda mare per il 2019. I costumi diventano ‘Ad hoc’ e mis

chiano strati e colori per creare outfit modulari, con tessuti compatti e funzionali, adatti al nuoto e allo sport, tinte unite o con disegni cuciti nella trama, griglie, reti e look melange, con stampe che attingono al mondo dei giochi, dalle costruzioni alla computer grafica, tagli laser, pattern ripetuti e jacquard con disegni a onde. I colori, invece, sono vivi e sofisticati, bagliori a mezze tinte si contrappongono a blocchi di colore forti e velate tinte pastello. La seconda tendenza si racchiude in ‘Next Nature’, con tessuti artificiali ma ispirati dalla natura: ruvide onde di nastri e strisce, strappi e rattoppi si combinano per creare effetti superficiali fluttuanti, fatti di filamenti e fettucce.

A queste si uniscono colori e stampe ispirate alla foresta. Un camouflage contemporaneo mette d’accordo natura e paesaggio urbano. La tendenza ‘Artful’ interpreta le tradizionali abilità artigianali e le mescola a computer grafiche hi-tech per trovare una sintesi tra nostalgia e ottimismo, proponendo un futuro globale che sia innovativo ed eccitante, mentre Iper ‘Into the cloud’ stampe futuristiche e storie di fibre performanti, con morbidi tessuti uniti o micro-texture appena accennate rimandano a stampe futuristiche.

Nel corso della manifestazione sono stati premiati i vincitori di ‘The Link 2017’, il contest dedicato ai fashion designer delle scuole europee più note: più di un concorso, un trampolino di lancio verso la moda Mare e Intimo, un collegamento qualificato tra il mondo della creatività applicata e il mondo dell’industria, dove i protagonisti sono i giovani studenti di stilismo provenienti dalle scuole di riferimento di tutta Europa, che al cospetto degli stilisti di tutte le più importanti case di moda del mondo, hanno potuto beneficiare di una elevata visibilità. Vincitore per la categoria “Intimo” Mattia Rainò dell’Istituto Secoli di Milano, mentre per la categoria ‘Beachwear’ la prima classificata è stata Sara Voltarel dell’istituto ISGMD.

A decretare il loro successo una giuria di esperti del settore e una giuria popolare, che hanno valutato secondo i criteri di fruibilità del progetto, innovazione e applicazione reale, contenuti di ricerca e valorizzazione del tessuto stampato. Mattia Rainò, unico italiano arrivato in finale al prestigioso concorso per la categoria Intimo, selezionato tra tutte le più prestigiose scuole di moda europee, è un giovane designer salentino di 24 anni, laureato al Politecnico di Milano in Design della Moda e specializzato all’Istituto Secoli di Milano con un Master in Modellistica e Sartoria di Abbigliamento Intimo e Abbigliamento da Sposa. Il giovane designer salentino ha presentato la collezione primavera/estate 2018 di intimo donna dal titolo ‘Bellezza Altra’: un progetto che mette in discussione il concetto classico di bellezza, dove l’imperfezione diviene elemento distintivo e simbolo di una bellezza non stereotipata.

[email protected]

Articolo precedente

Ross 128b, il nuovo esopianeta

Prossimo articolo

Se vincessi un viaggio…

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *