Cronaca

Rifiuti: cresce raccolta differenziata, prima volta oltre il 50%

Utilitalia: aumenta il porta a porta, rappresenta 38% dei volumi

Cresce la raccolta differenziata in Italia e nel 2016, per la prima volta, ha superato il 50% del totale della produzione di rifiuti. Lo afferma Utilitalia nel rapporto annuale realizzato con Bain & Company, secondo cui i costi operativi diretti della raccolta sono passati da 2,6 miliardi del 2007 a 3,4 miliardi nel 2016, per un valore medio unitario per singola tonnellata che ammonta a 126 euro. Il sistema di raccolta con modalità porta a porta “rappresenta oggi il 38% del totale dei volumi, rispetto al 62% del sistema di raccolta stradale, con un aumento del 12% dal 2007 a oggi”.

“C’è una doppia Italia – ha detto il sottosegretario all’Ambiente, Salvatore Micillo, alla presentazione del rapporto – da una parte c’è il racconto delle ecomafie, dall’altra quello delle eccellenze. La direzione che il ministro Costa, e quindi questo ministero, vuole portare avanti è quella dell’economia circolare; proveremo a fare sempre meglio su questo. Vi chiedo di aiutarci – ha aggiunto Micillo rivolgendosi alle imprese ambientali – a poter parlare sempre di più di raccolta differenziata e sempre meno di ecomafie. I vostri consigli che vanno nella direzione dell’economia circolare saranno ben accolti dal ministero”.

“C’è un crescente impegno – ha sottolineato il vicepresidente di Utilitalia, Filippo Brandolini – delle imprese per il miglioramento qualitativo e quantitativo della raccolta differenziata, per la sostenibilità ambientale, per la piena attuazione dei principi dell’economia circolare e per la riduzione delle frazioni non utilmente riciclabili. I risultati sono importanti soprattutto proprio nell’ottica del Pacchetto dell’economa circolare che indica target ambiziosi da raggiungere non soltanto con una buona raccolta differenziata ma anche grazie a un adeguato sistema di impianti per il riciclo e recupero. È per questo – ha concluso – che continua a preoccupare l’insufficiente dotazione di impianti in alcune aree del Paese, in particolare per la frazione organica”.

askanews

Articolo precedente

Cresce consumo farmaci, ogni italiano ne assume 1,7 al giorno

Prossimo articolo

Versace abbandona le pellicce, stop dal 2019

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *