Piccolo Schermo

L’autunno di Mediaset

Celentano, la Gialappa’s e un nuovo canale: la rivoluzione tecnologica ha inizio

Presentati a Montecarlo i nuovi palinsesti Mediaset per la prossima stagione: punta di diamante della rete ammiraglia sarà ‘Adrian’, il film d’animazione di Adriano Celentano.
Un progetto realizzato negli ultimi quattro anni con la partecipazione di Milo Manara ai disegni, Nicola Piovani alle musiche, Alessandro Baricco e i giovani della scuola Holden alla sceneggiatura e la collaborazione di Vincenzo Cerami (scomparso nel 2013).
La serie in tredici episodi ideata, diretta e montata da Adriano Celentano era già stata annunciata anche per la scorsa stagione, senza che però riuscisse a diventare realtà. La messa in onda è adesso prevista per il 2018, ma non è stata data una data precisa.
 Tra le novità anche il remake del famoso ‘Scommettiamo’, format europeo da noi in onda su Raiuno negli anni ’90 come ‘Scommettiamo Che…?’ che partirà in prima serata su Canale 5. A condurlo non si sa ancora se Michelle Hunziker, che lo conduce anche in Germania o Simona Ventura, attualmente senza ruolo se non in ‘Selfie’.
Altra novità nel preserale con ‘The Wall’ condotto da Gerry Scotti, mentre in access ci sarà sempre ‘Striscia la Notizia’.
Confermato il sabato sera targato Maria De Filippi con ‘Tu si que vales’, ‘C’è posta per te’ e ‘Amici’ e il ‘Maurizio Costanzo’ con le interviste one-to-one il giovedì.
Bonolis tornerà, sempre in prima serata, con ‘Music’, tre serate evento dedicate alla musica, una versione più evoluta de ‘Il senso della vita’ e ‘Chi ha incastrato Peter Pan’. Tornano anche ‘House Party’, ‘Il Grande Fratello Vip’ e ‘L’isola dei famosi’. Diverse novità attese per la fiction. “Per quanto riguarda le serie siamo consapevoli che dobbiamo rinnovare la modalità di racconto di Canale 5.
C’è l’impegno a definire un nuovo piano editoriale capace di intercettare il gusto del pubblico, senza rinnegare il nostro passato, con storie d’attualità e fiction di impegno civile”, ha spiegato Alessandro Salem, direttore generale dei contenuti Mediaset.
Arrivano dunque ‘Rosy Abate’ con Giulia Michelini, ‘L’isola di Pietro’ con un protagonista d’eccezione com

e Gianni Morandi, ‘Liberi sognatori’ (4 film tv per raccontare figure assassinate dalla mafia) e ‘Immaturi – La serie’, sviluppo tv

del successo cinematografico di Paolo Genovese. Tornano, inoltre, ‘Ultimo’ con Raul Bova, ‘Le 3 rose di Eva 4’ e ‘Squadra mobile – Operazione mafia capitale’. In programma anche ‘Victoria’, la serie tv ispirata alla Regina Vittoria. Novità di Italia1 sono ‘Big Show’, un one-man show in quattro serate con Andrea Pucci e ‘Surviving Africa’, un reality con un gruppo di vip impegnati a sopravvivere nell’Africa selvaggia.
Torna Nicola Savino con l’ingresso nella compagine de Le Iene, ma è attesa una nuova produzione tutta incentrata sul suo personaggio. Grande rientro anche per la Gialappa’s, come annunciato dallo stesso vicepresidente e amministratore delegato Pier Silvio Berlusconi: “Partiranno con una puntata delle Iene, poi stiamo realizzando un laboratorio

di comicità per realizzare un prime time su Italia 1”.
Rete 4 conferma invece gran parte della sua programmazione dedicata ad un pubblico diverso, più agée se vogliamo, rispetto agli altri due canali: confermati ‘Il terzo indizio’ con Barbara De Rossi, ‘Quarto grado’, con Gianluigi

Nuzzi,‘Quinta colonna’ con Paolo Del Debbio e ‘Dalla vostra parte’ con Delpietro.
Arriva anche ‘Madre mia’, una sorta di mini storia d’Italia vista dalla famiglia Carrisi, Al Bano in testa. Alla presentazione dei nuovi palinsesti, il vicepresidente Piersilvio Berlusconi ha anche annunciato l’acquisto del canale 20 del digitale terrestre e l’acquisizione di Radio Subasio, l’emittente più ascoltata del Centro Italia, che entra così a far parte del megagruppo Radiomediaset.

[email protected]
foto: Ansa

Articolo precedente

La tragedia dell’Uss Indianapolis

Prossimo articolo

L ‘Amore gigante’ di Gianna Nannini

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *