Piccolo Schermo

Il 2018 vintage di Carlo Conti

Prima ‘Ieri e oggi’ su Rai 3 e poi la ‘Corrida’ su Rai 1

Il noto presentatore televisivo spolvera due grandi classici del servizio pubblico che hanno ormai abbondantemente compiutoil mezzo secolo: ‘Ieri e oggi’ e la ‘Corrida’, entrambi del grande Corrado. Già partito il 5 gennaio scorso, ‘Ieri e oggi’ andrà in onda per cinque serate sulla terza rete Rai, accompagnando gli spettatori in un tuffo nel passato. Lo schema del programma rimane pressocchè uguale a quello originale: in ogni puntata saranno presenti due ospiti che ripercorreranno la loro carriera assistendo a filmati d’archivio, commentando gossip e facendo intrattenimento con un occhio al passato e l’altro al futuro, incalzati dal conduttore a rievocare aneddoti ed esperienze significative. In passato il programma, andato in onda per 9 edizioni e 120 puntate dal 1967 al 1980, è stato condotto, tra gli altri, da Lelio Luttazzi, Mike Bongiorno e Luciano Salce con ospiti, negli anni, come Mina, Peppino De Filippo, Monica Vitti, Nino Manfredi, Francesca Bertini, Giorgio Albertazzi, Virna Lisi, Adriano Celentano, Johnny Dorelli e Paola Borboni. “E’ rimasto nel cassetto per troppo.

Spesso si ricorre a prodotti esteri, perché ci si dimentica che ci sono un sacco di format importanti in quest’azienda da valorizzare. Dopo tanti anni di tv è bello potere avere la libertà di proporre anche delle riscoperte, per far ritrovare la tv del passato a chi l’ha vissuta e farn

e scoprire il valore al pubblico più giovane.

Insomma, anche in tv, nulla si crea e nulla si distrugge, ma tutto si trasforma”, ha sottolineato Carlo Conti che spiega come, a suo parere il ritorno della tv del passato abbia un grande successo e sia possibile perché “era fatta di idee forti. In alcuni casi si possono attualizzare, altre volte sono forti così come sono anche a distanza di 50 anni. E’ il caso di ‘Ieri e oggi’: raccontare con una chiacchierata cosa ha fatto un artista è un’idea che non ha tempo”, aggiunge Conti che vorrebbe coinvolgere nelle puntate successive anche i suoi coetanei: Fabrizio Frizzi, Antonella Clerici, Fabio Fazio, i colleghi che hanno fatto le tv negli ultimi 30 anni.

“Noi conduttori cinquantenni di oggi abbiamo, anche inconsciamente, nel dna qualcosa dei grandi che ci hanno insegnato a fare tv, come Corrado, Mike Bongiorno, Pippo Baudo, Tortora, Renzo Arbore. Tutte sfaccettature che ognuno trasforma nella propria storia”, racconta il conduttore. Gli ospiti della prima puntata del programma sono stati Enrico Montesano e Rita Pavone, che hanno commentato un riuscito mix di racconti, filmati, immagini e aneddoti, a partire dal debutto televisivo della cantante diciassettenne, nel 1962 con la canzone “La partita di pallone” in braccio ad un giovanissimo Gianni Morandi per continuare con le performance di Enrico Montesano con maestri come Alighiero Noschese e Gabriella Ferri.

La seconda puntata del programma vedrà invece la partecipazione di Carlo Verdone e Iva Zanicchi. In primavera poi, sarà la volta di un altro grande classico della tv del passato, la ‘Corrida’, riproposta sempre da Carlo Conti su Rai 1, con un’anteprima su Radio2. In merito il conduttore precisa che la sua stella polare sarà il rispetto di chi si esibirà, “nel solco della lezione di Corrado, che sapeva ironizzare ma sempre con grande eleganza”.

[email protected]

foto: Ansa

Articolo precedente

Come un gatto in tangenziale

Prossimo articolo

Laura ‘la gladiatrice’ al Circo Massimo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *