Svizzera

La nostra Sardegna devastata dal “ciclone Cleopatra”

mainhpIn 24 ore è caduta la pioggia di sei mesi

Continua ad aggravarsi il bilancio del ciclone “Cleopatra”, che ha flagellato la Sardegna provocando 17 morti, tanti dispersi e innumerevoli danni al patrimonio e alle persone. Il Consiglio dei Ministri nazionale ha dichiarato lo stato di emergenza. Il bilancio più pesante è in Gallura, dove ci sono otto morti. Di questi: quattro ad Arzachena, uno a Uras (Oristano), Torpè e Dorgali, in provincia di Nuoro. Migliaia gli sfollati ad Olbia, Galtellì, Uras, Terralba, Torpè, Arzachena, Orosei dove sono straripati i torrenti. Stanotte il governatore della Sardegna, Ugo Cappellacci, ha raggiunto Olbia, la zona più colpita dal ciclone. Il presidente della Regione, intervistato da Sky Tg 24, ha confermato che ci sono 14 vittime accertate; centinaia le famiglie evacuate. Al Tg3 Linea notte Cappellacci ha parlato di una «piena millenaria, un evento che si registra una volta nel millennio con una forza al di sopra di ogni ragionevole previsione”. La macchina dei soccorsi è stata attivata dalla Protezione Civile e 118; c’è una forte mobilitazione di solidarietà tra la gente di Sardegna e tutti i centri abitati della Sardegna colpiti dal maltempo sono stati raggiunti dai soccorritori.

La federazione dei Circoli culturali sardi in Svizzera segue con apprensione la situazione venutasi a creare in Sardegna, sentendosi fraternamente vicina alle comunità coinvolte nel nubifragio che ha devastato vaste zone del territorio e interi paesi. Gli organi esecutivi delle Federazione Svizzera chiedono a viva voce che il Governo Regionale e nazionale metta in campo tutti i mezzi necessari affinché alle popolazioni colpite dal nubifragio sia data la dovuta e tempestiva assistenza. L’altra Sardegna che vive e lavora in Svizzera si è già mobilitata non solo per dare il suo contributo di assistenza e di solidarietà, ma soprattutto per vigilare affinché la macchina organizzativa dei soccorsi e della ricostruzione non vada a impantanarsi nella melmosità della politica e la burocrazia all’italiana. Nella circostanza non accetterà supinamente alcuna passività politica che andrebbe a incidere ulteriormente sul dramma che stanno vivendo le popolazioni colpite dal drammatico evento.

Federazione dei Circoli Culturali Sardi in Svizzera

Il Presidente

Antonio Mura

Articolo precedente

EICMA 2013

Prossimo articolo

Iniezione di fiducia per l’Italia

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *