Piccolo Schermo

Buon compleanno Zecchino d’oro!

In occasione del suo sessantesimo ‘compleanno’ al popolare programma viene dedicato anche un grande evento in prima serata

Una fascia pomeridiana per i più piccini e un grande evento in prima serata: questi i regali che mamma Rai ha preparato per la sessantesima edizione dello Zecchino d’oro, il festival dedicato alle canzoni per i bambini che hanno fatto da colonna sonora per intere e intere generazioni accompagnate nel divertente e coinvolgente spettacolo musicale dal Mago Zurlì e dalla sua adorabile spalla, il mitico Topo Gigio. Canzoni come ‘Quarantaquattro gatti’, ‘Volevo un gatto, nero’, ‘Il caffè della Peppina, ‘Il torero Camomillo’, ‘Il valzer del moscerino’ e moltissime altre ancora che restano indelebili ricordi d’infanzia dei bambini degli anni sessanta e di un tempo in cui la tv non era ancora a colori, torneranno per una sera colonna sonora di nostalgici adulti. Impossibile, per i più grandi, non ricordare il contagioso entusiamo di Mariele Ventre, la fondatrice del Piccolo coro dell’Antoniano che dal 1963 ha accompagnato i piccoli interpreti in gara.

L’appuntamento per la sessantesima edizione del programma canoro, partita il 18 novembre, è ogni sabato alle 16:35 su RaiUno in diretta dall’Antoniano di Bologna, e andrà avanti fino al 9 dicembre con la conduzione di Francesca Fialdini e Gigi & Ross, con la direzione artistica di Carlo Conti (che condurrà anche la spettacolare prima serata dell’8 dicembre per ripercorrere i ricordi, le canzoni e i personaggi dello Zecchino d’Oro), e con la presenza fissa di Cristina D’Avena.

Le canzoni in gara per questa speciale edizione saranno 12 (facendo così salire a 752 l’intero repertorio del festival) e saranno interpretate da 16 piccoli interpreti provenienti da 10 diverse regioni italiane e dai 60 bambini del piccolo Coro Mariele Ventre dell’Antoniano (il nuovo nome del Piccolo Coro dell’Antoniano in onore alla scomparsa Mariele Ventre), che dal 1963 accompagna i piccoli interpreti in gara. A dirigere i 60 piccoli componenti dell’Antoniano Sabrina Simoni, direttrice del coro dal 1995. I brani presentati spazieranno tra diversi temi, andando dal mondo delle favole a quello dei social network, e saranno votati da una giuria in studio, dai bambini dell’Antoniano e dal televoto.

In giuria Christian De Sica, Enrico Brignano, Sabrina Ferilli, Giovanni Allevi e Platinette. Si esibiranno anche Patty Pravo, Solenghi-Lopez-Friscia, Claudia Gerini, Anna Tatangelo, Chiara, Marco Masini, Arisa, Bianca Guaccero, Nino Frassica, Laura Chiatti, Beppe Fiorello e Cristina D’Avena. “Quando hanno bussato alla mia porta per lo Zecchino d’Oro ho aperto subito ed è stato bello annunciarlo a Sanremo.

Qualcuno pensava fosse una battuta invece è un incarico che ho preso con entusiasmo assoluto perché è un evento molto importante ed è bello ogni tanto tornare bambini. È una manifestazione che non si può toccare, l’unica cosa che abbiamo fatto è cercare di tararlo ancora di più a dimensione di bambino”, ha dichiarato orgogliosamente Carlo Conti, che ci tiene anche a sottolineare la ‘presenza’ di Topo Gigio in questa edizione del festival canoro: “L’orgoglio di avere Topo Gigio batte ogni altro ospite che ho presentato”, ha continuato il direttore artistico e conduttore dell’evento in prima serata che riproporrà le canzoni storiche. “Lo Zecchino d’Oro non si tocca, è come fare Sanremo. Abbiamo cercato di tarare il tutto a dimensione bambino, anche per quanto riguarda i filmati di Operazione Pane. Abbiamo inserito giudici adulti che diranno la loro ma non voteranno. Nella seconda puntata, ci sarà Shrek. Ci saranno tante altre sorprese”, ha concluso Conti.

Entusiasti anche la conduttrice delle strisce del sabato pomeriggio, la frizzante Francesca Fialdini che ricorda che da bambina “mi sedevo incantata davanti alla tv a guardare lo Zecchino. Condurlo è un onore”, e Gigi e Ross, per i quali lo Zecchino d’Oro “è la storia della tv e partecipare ci rende orgogliosi: saremo i primi bambini da tenere a bada”… facile non dubitarne!

[email protected]

foto: Ansa

Articolo precedente

Gramigna, riscatto e redenzione

Prossimo articolo

Modem Art Tour

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *