Esteri

Da Davos Malala esorta le donne a “cambiare il mondo” da sole

E ringrazia il padre per averla sempre sostenuta

Dal palco di Davos, Malala Yousafzai ha esortato le donne a “cambiare il mondo” da sole, senza attendere il sostegno degli uomini. “Non chiederemo agli uomini di cambiare il mondo, lo faremo noi stesse”, ha detto la ragazza pachistana, instancabile perforatrice della causa delle donne e soprattutto dell’istruzione femminile, subito prima di una conferenza al World Economic Forum di Davos, dove la partecipazione femminile raggiunge appena il 20%.

“Il femminismo è solo un’altra parola per definire l’uguaglianza (…) significa solo che le donne dovrebbero avere gli stessi diritti degli uomini”, ha detto Malala, 20 anni, rendendo omaggio a suo padre, “un femminista che ha sfidato la società tradizionale pachistana” per sostenere sua figlia a tutti i costi. “Mi ha dato il nome di Malala, un’eroina pashtun famosa per il suo coraggio e la sua forza”, ha detto la giovane donna, costretta a vivere lontano dal suo paese dopo essere stata vittima di un tentato omicidio dei talebani nel 2012. “Spero di poter tornare in Pakistan un giorno, è difficile non vedere casa, famiglia e amici per più di cinque anni”, ha detto.

Insignita nel 2014, premio Nobel per la pace, Malala continua il suo impegno visitando campi profughi e partecipando a forum in tutto il mondo, pur continuando gli studi in economia, filosofia e scienze politiche all’Università di Oxford. “Non riuscirò a mandare tutte le ragazze a scuola, ma ne potrò mandare il maggior numero possibile”, ha detto Malala, ricordando che oltre 130 milioni di ragazze sono private dell’istruzione.

[email protected]

foto: Ansa

Articolo precedente

Di Maio: "Provate a chiamarci incompetenti"

Prossimo articolo

Il nostro benessere dev’essere anche quello dei nostri figli!

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *