Piccolo Schermo

Masterchef da Guinness!

Il famoso programma di cucina si è aggiudicato il titolo di format culinario più seguito al mondo

Lanciato 12 anni fa in Inghilterra, Masterchef, il programma culinario arrivato in Italia nel 2011, è ufficialmente entrato a far parte del Guinness World Record. Programma più visto di sempre in Australia, ha fatto registrare grandissimi successi in tutti i Paesi che lo hanno proposto, ben 52, tra cui Cina, Usa (dove è stato in nomination per un Emmy) e, di recente, anche Costa Rica, Cambogia e Maldive.
E proprio questa sua capillare presenza nel mondo gli ha permesso di entrare nel Guinness dei primati come “format culinario più di successo al mondo”. Il programma, che promette di trasformare gli aspiranti cuochi amatoriali in veri e propri chef, ha esordito nel 2005 sulla tv inglese dove, ad oggi, sono state trasmesse ben 38 serie. In Italia la formazione vincente è compostra dall’ormai storico trio di giudici: il bolognese pluristellato Bruno Barbieri, l’affascinante Carlo Cracco e l’irriverente Joe Bastianich, che si sono da sempre trovati in perfetta sintonia in un format intrigante e sempre vivace.
Nelle ultime edizioni si è poi aggiunto Antonino Cannavacciuolo, mentre il prossimo cambio prevede l’arrivo di Antonia Klugmann al posto di Cracco. MasterChef è davvero un successo mondiale. Lo show segue il percorso di alcuni talentuosi chef amatoriali mentre compiono un vero e proprio viaggio per assicurarsi il titolo di vincitore di MasterChef.
Il programma ha trasformato oltre 100 di questi chef amatoriali, pieni di speranze, in professionisti. Come Valerio Braschi, lo studente di 19 anni che ha vinto l’ultima stagione trasmessa in Italia e che ad oggi è il vincitore più giovane: ha già pubblicato un libro di ricette originali ed è conteso da molti; o Alberico Nunziata, l’ex ufficiale dell’Aeronautica arrivato settimo alla prima edizione di Masterchef e che ora lavora come chef executive alla Casa del Mar a Santa Monica ed ha firmato il menu dei Golden Globe di quest’anno. In Spagna, l’85% dei concorrenti delle cinque stagioni sta lavorando nel settore alimentare, sia in ristoranti sia presentando serie dedicate alla cucina.
Adam Liaw, che ha vinto la seconda stagione in Australia è diventato poi l’autore di cinque libri di cucina e presentatore tv della serie ‘Destination Flavour’, che ha vinto nel 2016 l’AACTA Award per il miglior lifestyle tv show. Thomasina Myers, della prima stagione inglese che ha co-fondato il gruppo di ristoranti Wahaca, ha scritto e collaborato a sette libri di cucina ed è diventata una presentatrice tv di programmi culinari. “Desideriamo congratularci con i produttori e i partecipanti dello show in tutto il mondo, augurando loro il meglio per progetti e stagioni futuri”, ha dichiarato Marco Frigatti del Guinness World Records.
Entusiasti anche i vertici di Endemol, come si evince dalle dichiarazioni di Peter Salmon, Chief Creative Officer di Endemol Shine Group: “Non potremmo essere più fieri di essere i produttori di MasterChef, il programma fenomeno mondiale da record trasmesso in oltre 50 Paesi, costruito su una partnership con il suo inventore Franc Roddam. Ognuna delle nostre società di produzione si adopera per introdurre nel format gusto, cultura, colore e carattere propri di ciascun Paese, per mantenerlo al massimo della creatività nei mercati che spaziano dal Regno Unito all’Ucraina, dalla Cina all’America, dalla Germania all’Australia. Ecco perché questo tributo ha un sapore così dolce”..

[email protected]
foto: Ansa

Articolo precedente

McEnroe vs Borg, la storica sfida

Prossimo articolo

Eros Duets, l’album della celebrazione

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *